LEFFE – Il regista leffese Luca Capponi e il film con i video del primo lockdown

131

Il Covid raccontato da cui l’ha conosciuto fin dall’inizio e nel modo più pesante, gli abitanti della Valle Seriana. Mercoledì 28 dicembre al Cinema Teatro Centrale di Leffe il regista Luca Capponi ha presentato il documentario “Bergamo come va”, un film che raccoglie alcune telefonate e video girati da alcuni cittadini della Valle Seriana che raccontano le loro vite durante il periodo della prima ondata della pandemia nel 2020.

“Ho deciso di chiamare il documentario ‘Bergamo come va’ perché nel periodo del primo lockdown era la frase ricorrente che si diceva nelle telefonate agli amici e ai parenti: ‘Come va? Come sta andando la quarantena?’. E dai loro racconti capivo che la situazione nella nostra valle era tragica”. Luca è un documentarista freelance, ha 34 anni ed è originario di Leffe. È figlio d’immigrati di seconda generazione, ha un fratello, Paolo, che è ingegnere del suono e compositore e che collabora con lui nel suo lavoro di regista. Luca ha la laurea magistrale in Cinema, presa all’Università Dams di Bologna; ha frequentato il centro sperimentale di cinematografia a Palermo.

SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 6 GENNAIO

pubblicità