GRONE – Inaugurato il Centro Servizi e la statua dedicata a Rachele, maestra d’asilo e infermiera volontaria

158

Chi, dall’autunno 2020 ad oggi, si è recato nel centro storico di Grone (magari perché diretto ai frequentatissimi Colli di San Fermo), poteva notare sulla destra un edificio eternamente circondato da impalcature. Ci si chiedeva: “Ma quel cantiere non va avanti?”. In effetti, un po’ di problemi quel cantiere li ha avuti ma, come si suol dire, tutto è bene quel che finisce bene.

E così, è stato inaugurato domenica 16 luglio il Centro Servizi nell’edificio ristrutturato che fino a qualche decennio fa ospitava il Municipio di Grone. L’immobile adesso ospita invece la farmacia, l’ufficio postale, l’ambulatorio e il Centro Diurno per persone anziane su cui punta molto l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Enrico Agazzi.

In effetti, quel cantiere è stato rallentato da alcuni eventi imprevedibili. Innanzitutto – spiega il primo cittadino gronese – durante il periodo del Covid c’era stata una violenta grandinata che il 30 agosto 2020 ha danneggiato seriamente il tetto. Abbiamo quindi dovuto intervenire d’urgenza per sistemare il tetto, che è stato isolato con lamiere per evitare future infiltrazioni d’acqua. Abbiamo poi anche dovuto riqualificare i parcheggi di fronte all’edificio e c’è anche stato un problema legato alle forniture dei materiali. Comunque, è vero che c’è voluto un po’ più di tempo di quanto inizialmente previsto, con le impalcature che sono rimaste per molto tempo, ma in compenso abbiamo messo a nuovo l’immobile, per il quale nel 2022 abbiamo terminato l’intervento di consolidamento statico, e abbiamo anche ampliato la superficie del parcheggio, mettendone anche uno riservato alle persone disabili. Adesso che il Centro Servizi è stato efficientato e messo in sicurezza, lo abbiamo inaugurato con una cerimonia alla presenza di diversi cittadini”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 LUGLIO

pubblicità