ECONOMIA – L’economia davanti a un… caffè, BNI sbarca nell’Alto Sebino

404

Scambiarsi informazioni davanti a un caffè per cambiare…l’economia. Sembra un racconto di fantascienza. E’ invece realtà.

Business Network International, più nota con l’acronimo BNI, è sbarcata nell’Alto Sebino con l’apertura del suo undicesimo capitolo di imprenditori e professionisti in terra bergamasca. La presentazione ufficiale del capitolo Sebino (e del Capitolo Fantoni di Dalmine, che è il dodicesimo della provincia) è avvenuta alla Fiera di Bergamo.

Già… ma cos’è e di cosa si occupa BNI? Ce lo spiega Francesca Filosofi, Assistant Director di BNI Bergamo, che è venuta nella redazione di Araberara insieme ad uno degli imprenditori dell’Alto Sebino bergamasco, Marco Berta, titolare della concessionaria Autoelite di Costa Volpino.

Sono loro due che ci accompagnano in questo viaggio nel futuro. Sì, perché il mondo di BNI sembra proprio orientato verso il domani.

BNI è l’organizzazione di scambio e referenze più vasta e di successo a livello mondiale. Al suo interno – spiega Francesca – è organizzata in numerosi capitoli sul territorio mondiale, nazionale e, ovviamente locale. Dieci anni fa, grazie all’ingegner Maria Luisa Cordone, BNI è approdata anche in provincia di Bergamo con il primo capitolo di imprenditori e professionisti. L’intento principale dei componenti dei vari capitoli di BNI è scambiarsi referenze e quindi conoscenze e rapporti basati sulla fiducia, scambiandosi competenze, capacità acquisite attraverso l’esperienza, la formazione e l’apprendimento che consentono di eseguire con successo specifiche attività o risolvere problemi in un ambiente lavorativo o personale. Le competenze sono un elemento fondamentale per il successo personale e professionale. Svilupparle e mantenerle può aiutarti a gestire situazioni impegnative, adattarti a cambiamenti continui e raggiungere obiettivi sia personali che professionali. In ogni capitolo di BNI – continua Francesca – c’è la possibilità di un’iscrizione da parte di un imprenditore, un artigiano, un professionista, un commerciante, ma uno solo per ogni attività. La specializzazione per noi è molto importante, perché all’interno dei vari capitoli divisi per aree geografiche può aderire una sola figura per ogni attività professionale. Se, ad esempio, c’è un idraulico che fa parte del capitolo, sarà presente solo lui; stesso discorso per un dentista o una concessionaria di auto. Questo serve per fare in modo che non nasca competizione tra i membri dello stesso capitolo ma, al contrario, nasca collaborazione e scambio di referenze, consigli e informazioni”.

Interviene Berta. “Io, ad esempio, sono presente nel capitolo del Sebino come unico rappresentante del settore delle concessionarie”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 MARZO

pubblicità