CONTROPELO – Tavernola: “Abbiamo distrutto, nascosto e cementificato. Mentre gli altri paesi del lago…”

174

Mi chiamo Pelo, ma gli amici mi chiamano Contropelo.

Non ho niente da fare, mi diletto a leggere, scrivere, ascoltare e cazzeggiare. Sono sempre informato sulle vicende socio-politiche Tavernolesi, lo ero prima e lo sono ora. Non avendo  niente da fare,  ho deciso di dedicarmi agli  SPETEGOLES  (Sport nazionale in cui i Tavernolesi eccellono).

Se volete mie notizie leggete il 1° articolo sul n. 13  dell’ 8 luglio c.a.

***

Spesso viaggio per diletto lungo le sponde del lago giungendo a Lovere,  Costa Volpino, Pisogne; in altre occasioni arrivo a Sarnico, in particolare a Paratico; qualche  volta mi avventuro lungo la Sebina Orientale.

Attraversando i vari paesi ne scopro alcuni particolarmente carini, abbelliti con stile Vintage o con un restauro che rinnova piccoli fasti antichi approfittando della loro Storia, innescandosi in essa, riscoprendo e facendo rivivere le loro radici.

Predore con le sue Terme di Ario Muciano, la mezza Torre e le battaglie di Micideno Foresti Signore di Predore fra GUELFI E GHIBELLINI.

Paratico con il suo Castello dove sembra soggiornò Dante in esilio, la torre esagonale, il lungolago, la stazione ferroviaria; ricordate come era negli anni ’80?

Esclusi i reperti storici, un paese grigio, freddo, anonimo, quasi insignificante; in questi ultimi decenni ha fatto passi da gigante.

Pisogne e la sua torre Bonomelli e non solo.

Riva di Solto con le sue Torri, le viuzze interne come calli veneziani con le case riportate a pietra viva scoprendo antichi portali e con un plateatico veramente bello.

Per ora tralasciamo Lovere e Iseo ricchissime di storia e monumenti.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 OTTOBRE

pubblicità