CENE – Moreni tira dritto: una tassa in più per i Cenesi e maggioranza spezzata

240

Il fatto che Cene fosse uno dei pochissimi comuni in cui non veniva applicata l’addizionale comunale Irpef era motivo di orgoglio per lo scomparso ex sindaco Giorgio Valoti e per la Lega cenese. Nello stesso programma elettorale della lista che due anni fa ha sostenuto la candidatura dell’attuale sindaco Edilio Moreni non si parlava della introduzione di questa tassa.

E così, il dietrofront dell’Amministrazione Moreni è sembrata a molti abitanti di Cene un vero e proprio schiaffo. Perché sarà anche vero che il Comune ha bisogno di soldi, ma mettere le mani nelle tasche dei cittadini in questo periodo non è il massimo, anzi! Le famiglie cenesi (come quelle di tutta Italia) devono affrontare i rincari delle bollette dell’energia elettrica, del pellet e della legna in vista dell’inverno (senza considerare i timori per le bollette del gas, sempre in vista del freddo invernale), l’aumento dei prezzi di carburanti, generi alimentari, rette delle case di riposo… e chi più ne ha più ne metta. E poi, ci sono in questo momento due aziende di Cene con decine di dipendenti che andranno in Cassa Integrazione.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 21 OTTOBRE

pubblicità