CENATE SOTTO – La minoranza critica il sindaco: “C’è chi fa e chi disfa”

80

Il gruppo consiliare di minoranza ‘Continuità per Cenate’ ha criticato l’operato dell’Amministrazione guidata da Thomas Algeri, distribuendo in paese un volantino (dal titolo inequivocabile: “C’è chi fa e chi disfa”) particolarmente pepato. A sottoscriverlo sono i consiglieri Michela Suardi, Matteo Belotti, Giuseppe Pezzotta e Manuela Breno.

Al primo punto del lungo elenco di critiche c’è la vendita del sentiero dei Salta Ploch: “L’Amministrazione comunale ha assegnato al privato il sentiero pubblico dei Salta Ploch (a San Rocco) nonostante la raccolta firme di circa 200 cittadini, le osservazioni contrarie di alcune associazioni del territorio, tra cui anche Legambiente, condivise anche dal nostro gruppo.

Evidentemente, per l’attuale Amministrazione l’opinione dei propri cittadini non è così importante e, a quanto pare, nemmeno le firme raccolte! Le promesse fatte alla comunità di San Rocco in campagna elettorale restano solo parole mentre nei fatti viene venduto un sentiero! Il patrimonio pubblico appartiene al Comune di Cenate Sotto, non all’Amministrazione in carica!”.

Si parla poi della biblioteca: “In occasione dei lavori di ristrutturazione della scuola Media le associazioni si sono ritrovate dall’oggi al domani senza più uno spazio. A più di un anno di distanza dalla fine dei lavori il Centro civico rimane ancora vuoto. La bella biblioteca che occupava tutto il piano terra (zona morbida, aule lettura, esposizione libri…) è ormai un lontano ricordo. Di essa rimangono solo alcuni scaffali con i libri posti nell’aula consiliare. Riteniamo che la funzione della biblioteca non sia solo il mero prestito di libri ma la capacità di attrarre piccoli/grandi lettori con spazi e attività a loro dedicati affinché possano trovare nella lettura, nell’ascolto e nell’aggregazione stimoli importantissimi per la loro crescita culturale e personale”.

Si parla poi di PLIS e Parco Urbano Territoriale: “Abbiamo fatto notare anche nell’ultimo Consiglio comunale che il PLIS negli ultimi anni appare poco curato e trascurato ma ci è stato risposto che va benissimo così! Abbiamo inoltre segnalato a suo tempo alcune criticità dell’area che l’Amministrazione comunale ha individuato come parco urbano (zona Mortini).

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 MARZO

pubblicità