bergamo IL RETROSCENA Il nuovo palaghiaccio al Gres è pronto Perché non viene inaugurato? Quel “grazie” a Italcementi sarebbe imbarazzante E L’HOCKEY COMUNQUE NON CI STARà

215

Fabio Spaterna

La struttura era attesa da tanti sportivi bergamaschi, e da qualche settimana – anche se con qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia iniziale – è già operativa. Il taglio del nastro, però, almeno per ora, è stato solo virtuale, e tale rischia di rimanere. E’ lo strano paradosso del nuovo palaghiaccio all’ex Gres di Bergamo, donato dalla famiglia Pesenti alla cittadinanza per celebrare i 150 anni di attività dell’Italcementi. Intitolato (su proposta del sindaco Giorgio Gori) a Franca Natta in Pesenti, moglie di Giampiero e madre di Carlo, rispettivamente presidente e consigliere delegato di Italcementi, il nuovo palazzetto del ghiaccio – posizionato tra via San Bernardino, via Ravizza e la circonvallazione – è costato 5 milioni di euro, e fa il paio con le piscine Italcementi, anch’esse donate dal colosso del cemento ai bergamaschi cinquantuno anni fa, per festeggiare le cento candeline.

La timeline del progetto – presentato a Palafrizzoni a inizio aprile dello scorso anno – prevedeva che la nuova struttura fosse pronta entro settembre, giusto in tempo per l’avvio della nuova stagione sportiva. Un ritmo del cantiere a tempo di record, ma alcuni problemi (fisiologici, quando si tratta di un recupero imponente come quello) hanno fatto slittare i lavori di qualche mese: ora però le due piste, posizionate all’interno dei cinquemila metri quadri della struttura, sono operative e, anche se il cantiere non può dirsi concluso al 100% (i parcheggi, ad esempio, non sono ancora attivi) le pattinatrici delle società sportive che si sono accaparrate l’utilizzo del palaghiaccio volteggiano già al suo interno.

Tutto però tace, sia a livello mediatico che politico. Ma come mai un gioiellino del genere, perlopiù gratis per la cittadinanza, resta nascosto? A Palafrizzoni non è ancora arrivata nessuna comunicazione e, allo stato delle cose, l’inaugurazione del nuovo palaghiaccio non è stata ancora calendarizzata. La netta sensazione, anche se nessuno lo dice a chiare lettere, è che si vogliano evitare imbarazzi in un momento in cui Italcementi sta attraversando una fase delicatissima: la decisione di cedere il controllo di Italcementi al gruppo tedesco Heidelberg sta mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro, con il sindaco Gori e il presidente della Provincia, Matteo Rossi, che anche questa settimana hanno a più riprese solidarizzato con lavoratori e sindacati…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 25 MARZO

pubblicità