Bergamo Caput Mundi…ma delle scommesse. A Cremona chiuse le indagini: nel ciclone anche Colantuono e Bellini

65


Ancora Atalanta. Ancora calcioscommesse. Questa volta tocca ad Stefano Colantuono, allenatore dell’Atalanta, la Procura gli ha notificato oggi l’avviso di chiusura indagine.

pubblicità


Che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, per 130 indagati tra calciatori di Serie A, B e Lega Pro, ex giocatori e dirigenti nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse. Tra gli indagati il c.t. della Nazionale Antonio Conte e spunta anche il nome del tecnico dell’Atalanta Stefano Colantuono: nel mirino è finita la partita Crotone-Atalanta del 22 aprile 2011 finita 2-2. Di nuovo Atalanta, che ormai è un leit motiv. E questa volta è per l’Over di Crotone-Atalanta che è finita 2-2. Fu concordato tra il tecnico Colantuono, il Direttore Sportivo Gabriele Zamagna insieme ai calciatori Doni e Santoni, tramite il portiere del Crotone Emanuele Concetti. Della combine furono informati, sempre secondo la Procura, anche i difensori dell’Atalanta Troest, Peluso, Bellini e Ferri. Un elenco che si va ad aggiungere a quello di altri giocatori dell’Atalanta indagati e alcuni condannati negli anni scorsi, ultimo dei quali Masiello che ieri ha giocato al rientro dalla squalifica tra la rabbia di alcuni tifosi atalantini. Insomma, il ciclo continua e se poi aggiungiamo che altri nomi di spicco, uno su tutti quello di Antonio Conte, allenatore della Nazionale, sono comunque passati dall’Atalanta e sono indagati per altre squadre il quadro è completo. Mettiamoci poi l’Albinoleffe che è la squadra italiana che ha avuto più indagati e condannati e abbiamo una Bergamo Caput Mundi…ma delle scommesse. 

pubblicità