VILLA DI SERIO – Mentre Banca Intesa chiude, boom di furti in paese: “Rubate anche bici dai garage”

627

Se questa sarebbe stata l’ultima banca sul nostro territorio mi sarei incatenato lì fuori per non farla chiudere”. Con questa battuta il sindaco Bruno Rota esprime la sua posizione a proposito dell’annuncio da parte di Banca Intesa di chiudere a giugno la propria filiale a Villa di Serio. “Se non avessero deciso di chiudere sarebbe stato meglio. Però ringraziando il cielo abbiamo altre due banche sul territorio. Per cui la situazione è delicata ma non è grave come in altre zone del territorio dove non rimane più né uno sportello né un bancomat. Qualche disagio ci sarà ma non è un fatto critico. La Banca Intesa ci ha garantito che qui a Villa di Serio verranno installate delle attrezzature che consentiranno di fare delle operazioni. Probabilmente dove c’è la tabaccheria Cavalli, almeno così ci hanno anticipato. Quindi in giro per la provincia sta succedendo di molto peggio. Questo per venire incontro un po’ a quelle persone che non riescono a spostarsi. Se qualche nostro concittadino non riuscirà a spostarsi potrà cambiare banca, affidandosi alle due ancora aperte nel nostro Comune”.

Bruno Rota cerca di spiegare ciò che sta succedendo con un ragionamento più ampio e generale. «Questa ristrutturazione degli sportelli bancari è inevitabile e andrà avanti ancora per anni. Sono scelte imprenditoriali che questi grandi gruppi fanno. Si può provare a ragionare, ma non è detto che cambino idea perché glielo diciamo noi. Sono gruppi privati e legittimamente fanno quello che ritengono sia meglio per loro. Che sia il meglio anche per la popolazione non è detto. La chiusura di questa filiale è sintomo che in banca non si va più. In banca ci vanno solo le persone anziane. I giovani fanno tutto da remoto, con l’online. Quindi è naturale che chiudano gli uffici. La gente non ci va e chi lavora negli sportelli è lì a fare nulla. È inevitabile, lo dico da ex bancario. In passato c’è stata l’ondata di apertura di sportelli bancari per coprire tutto il territorio. Per un po’ ha funzionato, invece adesso questo si è perso. Avere meno filiali, ma più grandi, consente di avere personale che sa dare risposte a tutte le questioni. Invece le filiali piccole inevitabilmente non riescono a soddisfare tutte le esigenze dei clienti. Finora a me non è arrivata nessuna lamentela. In questo momento il cittadino villese ha delle altre opportunità».

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 MARZO

pubblicità