The floathing Piers: la passerella dei sogni fra il vento e una scossa di cielo

101

Numeri da primato. Che resteranno nella storia. Ma nel cuore resta altro. Molto altro. The floathing piers è stato un sogno. Di quelli da vivere. Senza pensare al resto, alle code (inevitabili quando si fanno certi numeri di visitatori), al caldo (che in estate è meraviglia), e a chi come al solito mette becco per dire la sua su cosa sia arte o cosa non lo sia. Il più grande ostacolo di un’opera d’arte, di una qualsiasi cosa, è quello di non voler capire. Quindi basta parole. Solo sguardi. Facce e volti da passerella. Di una passerella che ha fatto vivere, sbattere, sognare il lago d’Iseo.

1.200.000 visitatori (altre fonti danno 1.500.000)

1200 treni dedicati per 460.000 passeggeri

90% di presenze da fuori provincia di Brescia

420.000 passeggeri sui traghetti

2289 volontari della Protezione Civile

240 operatori al giorno per la sicurezza

18 milioni di euro il costo (pagato da Christo)

60 milioni di euro i soldi già ricavati dalla vendita dei bozzetti dell’opera

Erano cosi i sogni

colori volanti e abiti da donna

passi di danza su paesaggi inventati

fra il vento e una scossa di cielo”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 LUGLIO

pubblicità