Spinone – c’è chi dice No L’hotel San Carlo dice no ai profughi

109

“I profughi nel mio hotel? Piuttosto chiudo. Mandatemi gli italiani invece, le famiglie in difficoltà, quelli che stanno nelle stazioni, sotto i ponti, quelli si che sono da aiutare”. Natalia Minato, titolare dell’Hotel San Carlo di Spinone non ha dubbi e così quando circa due mesi fa gli è arrivata la proposta di ospitare dei profughi nella propria struttura, Natalia ha detto subito no, anzi, non ha nemmeno risposto. “Mi è arrivata l’email dell’Ascom due mesi fa, email nella quale mi invitavano ad ospitare profughi a Spinone come già successo in molte altre strutture. Io per sicurezza non ho nemmeno risposto. Non so poi come sono venuti a sapere di questa cosa, io ho semplicemente risposto su Facebook quello che pensavo. Cosa è successo all’albergo Bonanza di Bianzano, i primi ad ospitare i profughi in valle Cavallina? Avevano da poco riqualificato le stanze e i profughi le hanno distrutto e loro hanno chiuso tutto, albergo e ristorante. 

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 AGOSTO

pubblicità