RUBRI42 – La variante di Trescore? Come la Salerno – Reggio Calabria… e rischia di perdere il treno delle Olimpiadi

359

Sì, stavolta sembra proprio che la variante di Trescore/Entratico/Zandobbio e la Statale della Val Cavallina abbiano veramente perso il treno delle Olimpiadi del 2026. Un treno che avrebbe portato al tanto atteso intervento sulla SS42, una strada problematica sul fronte viabilistico.

E, invece, adesso questo intervento non viene considerato più così prioritario dal commissario che un anno fa era stato nominato per accelerare l’iter burocratico. Una situazione che sta facendo arrabbiare le tantissime persone che ogni santo giorno hanno a che fare con le lunghe code che caratterizzano l’arteria stradale della Val Cavallina.

Massimiliano Russo del Comitato Statale 42 esprime le sue perplessità e preoccupazioni sulla variante di Entratico/Trescore: “Sul tema della variante possiamo dire che ormai ci sono tempi degni della ‘Salerno-Reggio Calabria’. La notizia del commissariamento aveva alzato gli entusiasmi, ma senza rendersi conto che le opere gestite da ANAS per le Olimpiadi anche in Veneto hanno dei ritardi, motivo per cui il nostro Comitato non si è mai illuso. Non sono però giustificabili questi tempi. La bozza di progetto non è stata nemmeno condivisa con gli stakeholders come prevedeva la convenzione, quindi non sono state coinvolte le cittadinanze; temo che con tutti questi ritardi, quando il progetto arriverà, si dirà che non c’è più tempo per eventuali modifiche e per andare incontro ad alcune perplessità degli stessi amministratori locali, specialmente per quel che riguarda la parte terminale del secondo lotto. Ricordiamoci inoltre che tutto questo ha i suoi costi, in primis sulle vite dei cittadini, su cui ricadranno anche le spese di quest’opera, che ha dovuto essere rifinanziata e così potrebbe precludere altri interventi necessari sull’asse viario. Il Comitato, peraltro, oltre a esprimere perplessità su questo intervento, su come è stata progettata l’opera e sui tempi di realizzazione, è molto deluso per il tempo che si è perso anche per gli altri interventi di adeguamento. Dopo gli anni spesi ad attendere un progetto sulla variante, si è perso prezioso tempo anche per le opere che sono già finanziate, come la rotonda di Trescore nei pressi delle Terme. Cogliamo però anche l’occasione per ringraziare la Provincia di Bergamo, che gli interventi più significativi li ha fatti, come l’adeguamento dell’SP 89 e la rotonda di Borgo. Queste sono state le vere e uniche realizzazioni nella nostra Valle…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 GENNAIO

pubblicità