ROVETTA – Martina, 12 anni e quei quadri nati solo dalla passione: “Guardavo mia sorella e ho provato anche io, mi piace disegnare i manga”

694

Martina entra in redazione in punta di piedi, gli occhiali tondi incorniciano il viso acqua e sapone di una ragazzina di 12 anni. Martina di cognome fa Bergamini, un giovane talento del disegno, una passione che coltiva a scuola così come a casa. Sottobraccio una cartelletta che racchiude tutte le sue opere, quelle disegnate a scuola (il voto è sempre dieci cerchiato di rosso) in copertina il suo nome scritto in matita e la sua classe, 2^ E, che frequenta a Rovetta, dove vive con la sua famiglia.

Ho iniziato a disegnare quando avevo otto anni, guardavo mia sorella Giulia che ha alcuni anni in più di me. Ero gelosa perché lei era brava, le facevano sempre i complimenti e volevo elogiata anche io. L’ho vista disegnare i mandala o un ritratto di lei e mio papà, ma a me non piacciono… lei adesso fa la parrucchiera e quindi ha un po’ accantonato questa passione”, sorride Martina.

Cosa ti piace disegnare? “Ho iniziato con gli anime manga, perché li trovavo più semplici da disegnare”.

Ma Martina ci mostra molti altri disegni, una natura morta, un ritratto e un autoritratto… “Una mia vicina di casa mi ha chiesto di disegnarle suo nipote, mi ha dato una fotografia e su un foglio ho disegnato una griglia e poi ho iniziato a disegnare in base a dove partono le linee…

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 20 GENNAIO

pubblicità