FUGA VERSO NORD A UN PASSO DAL CIELO

36

pubblicità

(p.b.) Un rifugio ha nella sua etimologia la fuga da qualche posto per trovare “asilo” in qualche altro.

La montagna è stata “rifugio” da sempre, si scappava salendo in alto, contando che gli inseguitori non avessero né tempo né voglia di inerpicarsi sui sentieri, rischiando magari una schioppetata o di precipitare in qualche burrone. La storia si fa complessa, certi “passi” servivano per le transumanze, per una sosta dei cacciatori, dei minatori, per i pastori, ma anche per il contrabbando o come via di comunicazione intervalliva, per gente che andava altrove a lavorare. E c’erano “osterie” d’altura che erano una sorta di precursori dei rifugi, si riprendeva vigore, a volte ci si passava la notte.

In questa stagione d’inferno, del gran caldo, si cercano “rifugi” in una carovana moderna di “fuga verso nord”, sempre più in alto….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 LUGLIO

pubblicità