RANICA – Scritte no-vax sui muri del Cimitero, condanna bipartisan

172

Per la terza volta in meno di un anno il Cimitero di Ranica è finito sulla stampa e sui social. Stavolta i protagonisti (in negativo) sono stati i vandali no-vax che, come succede da tempo in vari paesi, hanno imbrattato i muri del camposanto ranichese con scritte deliranti, parlando di genocidio, omicidio e implorando ai giovani di salvarsi (dalla vaccinazione).

La condanna di questi gesti è stata bipartisan e, almeno su questo punto, ha unito i due gruppi che si contendono la guida del Comune alle elezioni dell’8 e 9 giugno: ‘Proposta per Ranica’ di Sergio Parma e ‘Ranica che vorrei’ di Luca Damiani.

ARTICOLO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 7 GIUGNO

pubblicità