PIANICO – Ha chiuso dopo 100 anno il forno Carlessi: “Quando gli operai dell’Italsider si fermavano in bici alle 5 del mattino a prendere il pane…”

1155

Sono passati quasi cent’anni, era il 1926 quando Luigi Carlessi aprì il forno a Pianico, rigorosamente lungo la strada principale perché allora i tempi erano diversi: “Qui passavano gli operai che si recavano al lavoro all’Italsider (ora Lucchini) e andavano in bici o in moto, si fermavano a prendere pane e mortadella per il pranzo, non c’era la mensa allora”. A raccontarlo è il nipote di Luigi, Gianluigi Carlessi, 65 anni, da pochi giorni in pensione insieme a sua moglie Giovanna Bonetti. Gianluigi ha definitivamente chiuso il forno che resisteva da quasi 100 anni e ora a Pianico, paese di poco più di 1400 abitanti resistono solo tre negozi: la farmacia, un’ortofrutticola e un negozio di mobili. E poi il nulla. Il forno di Gianluigi era ed è stato per tantissime persone un punto di riferimento per decenni: “Purtroppo – continua – non ho trovato nessuno che andasse avanti al nostro posto e così ho dovuto chiudere”. Facciamo un passo indietro, perché non sono molte le attività che arrivano a 100 anni: “Mio nonno Luigi e mia nonna Maria Scarpini facevano il pane e avevano il negozio, i negozi di una volta, sulla strada, aprivano alle 5 per gli operai e poi consegnavano il pane a domicilio. Poi il negozio è passato a mio padre Pietro e mia madre Maria Raimondi che lo hanno gestito sino al 1994, poi siamo subentrati io e mia moglie e pochi giorni fa abbiamo chiuso.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 2 FEBBRAIO

 

pubblicità