PALLAVOLO CBL – Il team manager Dell’Orto: “Ho giocato 37 anni a pallavolo, ma un’emozione così non l’ho mai vissuta. L’anno prossimo sarà difficile ma siamo pronti”

356

Si sente ancora un filo di emozione nella voce di Roberto Dell’Orto, team manager della pallavolo Cbl, per la promozione in Serie A2. Sono passati più di quindici giorni ma quei momenti sono ancora ben impressi nel cuore e nella mente.

La stagione l’abbiamo vissuta in modo molto sereno anche perché le ragazze hanno iniziato un percorso fin da subito importante con 21 vittorie consecutive – ricorda Dell’Orto – e questo ci ha permesso di essere tranquilli della nostra forza da schierare in campo. Poi siamo arrivati a Bologna dove abbiamo giocato la Coppa Italia, abbiamo vinto la gara 1 con una squadra tecnicamente inferiore alla nostra, mentre abbiamo perso con la squadra di casa che era invece più attrezzata. Qui sono insorte alcune crepe nella nostra sicurezza perché contestualmente avevamo perso un’atleta di riferimento come Syria Tangini, giocatore per noi fondamentale nelle dinamiche di gioco oltre che dal punto di vista puramente realizzativo, quindi qualcosa è cambiato nelle nostre certezze per il proseguo della stagione e del raggiungimento di questo obiettivo importante. Poi grazie alla velocità che abbiamo avuto e anche un po’ di fortuna, perché anche quella ci è voluta, siamo riusciti ad accaparrarci Monica Mazzoleni, un centrale bergamasco che ha avuto esperienze in Serie A e rientrava da uno stage in America e quindi siamo tornati ad avere un organico all’altezza di una finale per la promozione”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 23 GIUGNO

pubblicità