Inchiesta la ‘mappa’ dei tumori in bergamasca Si muore di più in Val Seriana. Leucemie in Val Cavallina. Tumori pediatrici nell’Alto Sebino. Tumori al fegato nel Basso Sebino. Brescia caput mundi dei tumori da diossina

2573

 

La notizia è dei giorni scorsi, a Brescia ci si ammala di tumore più che nel resto d’Italia. Altro che terra dei fuochi. A Brescia ci sarebbe una correlazione diretta tra i Pcb e le diossine, i veleni dell’industria chimica che avrebbero provocato l’aumento delle neoplasie. La conferma arriva dal rapporto ‘Sentieri’ dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Airtum, l’Associazione italiana registri tumori, che ha confermato l’eccesso di tumori nella zona di Brescia-Caffaro rispetto al resto del nord Italia. Numeri in aumento per gli uomini, + 10% e donne + 14% per quel che riguarda tutti i tumori epatici, laringei, renali e tiroidei. Ma soprattutto in tre patologie riconducibili direttamente a Pcb e diossine per i quali si registra un’incidenza record: i melanomi cutanei (uomini + 27% e donne + 19%), i linfomi non-Hodgkin (uomini + 14% donne + 25%), e i tumori della mammella (donne + 25%). E allora andiamo a scoprire come si sta invece in bergamasca, quali sono i tumori che colpiscono di più e in che zona in un’inchiesta dove riportiamo dati e numeri di malati zona per zona, in base ai tumori…

Tutte le sedi

Val Seriana in testa

Risulta difficile fare valutazioni e considerazioni su tutti i tumori, per l’eterogeneità di tutte queste patologie.

Tuttavia rispetto alle popolazioni dei pool dei registri del nord Italia, l’incidenza negli uomini residenti in provincia di Bergamo è più alta, mentre nelle femmine è sovrapponibile.

Tra maschi, i distretti della Valle Seriana Superiore e della Valle Seriana presentano un rischio di incidenza significativamente più alto rispetto alla media provinciale, mentre quello del Basso Sebino un rischio significativamente più basso. Tra le donne i rischi di incidenza più alti, si registrano nei distretti di Seriate e della Valle Imagna, mentre il distretto di Bergamo presenta un rischio significativamente più alto.

In provincia di Bergamo, rispetto a regione Lombardia, si evidenzia un eccesso di

mortalità, significativo, sia tra i maschi (+8%), sia tra le femmine (+11%).

Considerando gli anni 2006-2011, il distretto della Val Brembana presenta un rischio di mortalità significativamente più alto rispetto alla media provinciale, mentre tra le donne è il distretto del Basso Sebino a presentare il rischio di mortalità più alto.

Tabella

Maschi                                                                     Femmine                                        

Patologia                            media casi annui            Patologia              media casi annui

Tumore della prostata 699 tumori della mammella 823        

Tumore polmoni 515 tumori del colon-retto 378

Tumori del colon retto 440 tumore ai polmoni 195

tumori della vescica 337 tumori dello stomaco 148

tumori del fegato 231 tumori del pancreas 139

tumori dello stomaco 216 tumori del fegato 123

tumori della testa e del collo 160 tumori del corpo uterino 118

tumori del rene 141 linfomi non Hodgkin 105               

linfomi non Hodgkin 111 tumori della vescica   95

tumori del pancreas 108 tumori della tiroide   94

Tutte le sedi

                          Maschi                                        Femmine

Bergamo 1636 1596

Dalmine 1297 1006

Seriate 637   549

Grumello 434   327

Valle Cavallina   501   359

Basso Sebino   250   228

Alto Sebino   333   228

Valle Seriana 1123   879

Val Seriana Sup   535   398

Val Brembana   496   380

Val Imagna   472   433

Isola Bergamasca 1101   957

Treviglio 1048 856

Romano di L.   744   561

SUL NUMERO IN EDICOLA I DATI E L’INCHIESTA SUDDIVISA ZONA PER ZONA PER OGNI PAESE DELLA BERGAMASCA

pubblicità