La morte non muore mai: ‘Lunga e diritta correva la strada…’

3263

Ci sono estati che non cominciano mai. Che le aspetti come si aspetta il suono dell’ultima campanella a scuola ma alla fine quel suono non arriva mai. E sul banco ci resti sempre. Ci sono estati che restano lì, ferme al palo, in un limbo di primavera eterna di un maggio duro, piovoso, lungo ma che alla fine esplodono in un per sempre.

Ci sono estati che hanno addosso lo sguardo libero e pulito di Matteo, Marco, Kevin e Andrea morti nel giro di pochi giorni uno con l’altro, in tre posti diversi, in tre paesi diversi, in tre modi diversi. Matteo aveva 22 anni, ed era di Sellere, Marco di anni ne aveva 32 ed era di Costa Volpino, Kevin di anni ne aveva 18 ed era di Grone e Andrea, 30 anni era di Bergamo. Che poi sembra sempre tutto così strano per scoprire che è sempre così, la morte non muore mai.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 2 GIUGNO

pubblicità