IL GIALLO – Emanuela Orlandi, nuovi documenti citano il cardinal Re. «Ecco l’elenco delle spese sostenute dal Vaticano per nasconderla in Inghilterra dal 1983 al 1997: 483 milioni di lire»

391

Di nuovo. Ancora. Il suo nome che risuona come un boato sussurrato che poi esplode. Emanuela Orlandi. In questi giorni torna prepotentemente alle cronache e in quelle cronache potrebbe trovare finalmente la svolta finale. Ci sarebbe un documento sull’ ‘allontanamento domiciliare’ di Emanuela Orlandi, documento prodotto e pubblicato nel libro di Emiliano Fittipaldi, che esce in questi giorni, cinque pagine con presunte spese dal giorno della scomparsa di Emanuela Orlandi, quel 22 giugno 1983 sino al 1997, anno in cui sarebbe stata sicuramente ancora viva. E in questa storia viene citato spesso il nome del Cardinal Giovan Battista Re, allora “assessore” (il numero 3 nella gerarchia vaticana) della Segreteria di Stato. Allora il Segretario di Stato era il Cardinale Agostino Casaroli. Nella nostra intervista al Cardinale avevamo fatto la domanda sulle rivelazioni di Mehmet Alì Agca che lo tirava in ballo come “persona informata” sul delitto di Emanuela Orlandi (1983). Il Cardinale aveva risposto che

SU ARABERARA IN EDICOLA DAL 6 OTTOBRE

pubblicità