LA STORIA Un calendario, dodici donne della Valle, dodici tumori al seno: “La femminilità rinasce”

236

Un calendario. Dodici mesi. Dodici volti. Dodici nomi. Dodici…tumori al seno. Vestite di un sorriso che parte dal cuore, di un tatuaggio all’hennè che ricama quei seni che hanno sofferto e che rinascono come germogli profumati. Un’operazione d’immagine tosta, per dare un segno, per lasciare un segno, per fare capire che donna lo si resta, femmine si rimane, sempre. E così dopo che qualche tempo fa sempre dall’Andos del Sebino Valle Camonica era nata l’idea di fotografare volti di donna sotto l’effetto di chemio, truccate e con quella voglia di vita addosso che contagia tutti, adesso l’Andos che ha sede proprio all’ingresso dell’ospedale di Esine rilancia con un’operazione che lascia il segno: un calendario con loro: Cinzia, Denise, Antonia, Isa, Mietta, Flavia, Simonetta, Renata, Roberta, Mirella, Gabry e Monica. “Le nostre donne, mamme, mogli, figlie…tutte donne camune, paesi, il calendario mette a nudo la femminilità della donna; la dolcezza interpretativa di Sabrina, le morbide acconciature di Michela, il trucco sapiente di Cristina e la soffice postproduzione di Isabella, hanno saputo dare un mood morbido all’intero progetto  – racconta  il fotografo Alessandro Cremona –  grazie donne guerriere, e grazie a tutti voi che lo acquisterete: il ricavato verrà usato per l’acquisto di macchinari per la prevenzione del tumore al seno, all’ospedale di Esine…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’

pubblicità