CLUSONE – ROVETTA – Il ricordo di Sofi: vieni ad aprire le finestre delle mie ore

95

Claudio Giudici, per tutti Sofi. Gli occhi incastonati dentro un viso che diceva tutto e anche più di tutto, senza bisogno di parlare, senza bisogno di rumore, voci, suoni. Quegli occhi che brillavano e sembravano schegge di luce da seguire come fossero stelle comete. Quella barba lunga che sembrava indicarti una strada da seguire dove metterci dentro tutto, sogni, viaggi, zaino in spalla e quel senso di guscio e di ali che era e che è il bar Prada di Rovetta dove quando entrati trovavi questo e molto altro. Sofi era così, lo è ancora così, da qualche parte.

ARTICOLO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 24 MAGGIO

 

pubblicità