CLUSONE. Massimo Percassi risponde all’articolo di Araberara: Se ho offeso qualcuno mi scuso. Ci ho messo la faccia

48

 

Gentile Direttore,

ritengo doveroso intervenire con questo articolo per esprimere tutto il mio disappunto per quanto da Voi pubblicato nell’edizione di Araberara del 07/08/15, dal quale emerge la figura di una persona ignorante ed incapace, nonché maniaca di protagonismo.

Mi sento fortemente offeso anche perché l’immagine è stata descritta senza realmente conoscermi, quindi frutto di impressioni di chi scrive.

Sarebbe stata una gentile e cortese azione la Vostra se, prima di scrivere tali aggettivi, mi aveste almeno contattato.

Prima di tutto vorrei porre le mie scuse a coloro i quali si ritengono in qualche modo offesi dalle mie azioni.

La questione degli immigrati è una situazione che mi sta molto a cuore e questo mi ha fatto “perdere le staffe” in alcune occasioni, purtroppo in modo particolare in occasioni televisive.

Nei miei interventi intendevo rimarcare la mia disapprovazione verso la gestione dei migranti e non ho mai espresso parere razzista verso questa povera gente. Penso inoltre che questo non sia un problema solo a livello locale, ma sia un problema che si estende a tutto lo stivale, come dimostrano i fatti che ogni giorno la televisione ci racconta. (…)

La lettera continua.

SU ARABERARA IN EDICOLA PAG. 9

pubblicità