BORGO DI TERZO – Municipio imbrattato, scritte contro l’identità digitale. Il sindaco Vavassori: “Per sistemarlo serve l’ok della Sovrintendenza”

76

Identità digitale trappola criminale”. Come in altri paesi e città della Penisola, anche nel cuore della Valle Cavallina è comparsa la scritta contro l’identità digitale. Ad essere imbrattato di scritte e simboli di colore rosso è stato nientemeno che il palazzo comunale (ed ex sede della disciolta Unione dei Comuni della Media Valle Cavallina).

Un bel mattino, infatti, gli abitanti di Borgo di Terzo e le innumerevoli persone che percorrono la Statale 42 passando davanti all’edificio comunale, hanno potuto ‘ammirare’ le scritte a caratteri cubitali sulla facciata principale del palazzo.

E quelle scritte ci sono tuttora, come sottolinea il sindaco Stefano Vavassori. “La facciata non è stata ancora pulita, perché il Municipio è un edificio di interesse storico, quindi per ogni intervento serve il benestare della Sovrintendenza.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 2 FEBBRAIO

pubblicità