#arawordbridge – SOVERE – Fabrizio ‘Faber’ Paletti: “Ho imparato ad amare la musica da mio padre. E ora mi gioco le mie carte ad Amici…”

586

Fabrizio ‘Faber’ Paletti, 20 anni, un microfono, una voce che vibra, una musica che compone da solo senza aver studiato musica. Perché ci sono cose che si imparano per passione. E sono le cose che restano. E che vanno. E che portano dappertutto. Fabry è a casa, pomeriggio afoso di agosto, fra pochi giorni parte per Roma, casting di Amici, dove si gioca le sue carte e il jolly è la sua voce. Come hai cominciato? “Mio padre è sempre stato un grande appassionato di musica e io in casa ne ho sempre ascoltata tantissima. Non ho mai studiato però musica, ma ascoltavo, ascoltavo, ascoltavo. Cantautori e musica rock”. Fabrizio prende il nome proprio da Fabrizio de Andrè: “Mio papà lo ascoltava e lo ascolta sempre. 4 anni ha cominciato con un tutorial a comporre musica al computer, già cantavo sporadicamente, il coretto della scuola, i vari cori, insomma, quando capitava e sapevo di avere una bella voce, così ho cominciato a scrivermi da solo pezzi e musica”. Scrivi e componi: “Sì, testo e musica nascono insieme, faccio i primi 4 o 5 accordi e poi nasce la melodia vocale. Non leggo molto ma la passione per la scrittura l’ho sempre avuta, mi è sempre stato facile scrivere e così non faccio fatica, mi viene naturale mischiare parole e note”. La prima canzone? “Si chiamava ‘Pagine’, non era granchè a pensarci ora, però ci stavo prendendo la mano”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 25 AGOSTO

pubblicità