ALZANO LOMBARDO – Gli Alzanesi salutano il ‘loro’ don Giovanni, che dice: “Distacco faticoso…”. Adesso tocca a ‘don Siqui’

207

Alcuni mesi fa, quando era giunta la notizia del trasferimento del curato di Alzano Maggiore e Alzano Sopra, don Giovanni Milesi, dopo meno di due anni dal suo arrivo, molte persone si erano ribellate alla decisione del Vescovo. Per alcuni giorni ad Alzano erano montate polemiche e feroci reazioni verso la Curia, rea di aver voluto strappare questo giovane sacerdote alla sua comunità. In effetti, don Giovanni ha saputo conquistare l’affetto e la simpatia di gran parte dei parrocchiani alzanesi fin dall’inizio; il suo modo di fare, la sua simpatia e la sua affabilità lo hanno reso simpatico a bambini, ragazzi e adulti. E, molti di loro, non hanno digerito il suo trasferimento a Zanica, dove avrà lo stesso incarico di Alzano.

Ecco il messaggio che l’ex curato di Alzano Maggiore e Alzano Sopra ha lasciato ai suoi ex parrocchiani, che lo hanno salutato nel primo fine settimana di settembre: “Al tramonto di questa giornata così importante e significativa per la mia vita desidero ringraziare le amate comunità di Alzano Sopra e Alzano Maggiore che in questi due anni sono diventate la mia casa. Ho ricevuto tanto e ho cercato di dare quel che potevo, sempre nel nome di Gesù. Il distacco è faticoso perché è stato fantastico lo stare! Tanti volti che mi sono diventati carissimi! Tutti ringrazio e benedico! Il Signore ricompensi ogni sforzo di bene! Grazie”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DALL’8 SETTEMBRE

pubblicità