VILMINORE – LA FRANA La protesta in Provincia la spunta: si sblocca il senso unico alternato

L’ultima protesta a memoria d’uomo (e di donna) risale al 1970 quando in una mattinata con nevischio lunghe file di camion e auto si avviarono dalle valle verso la città e ci fu la protesta davanti alla Prefettura. Era in ballo la galleria sulla Via Mala, la prima della serie, dopo che l’ennesima frana aveva interrotto il collegamento con Darfo. E dopo quasi mezzo secolo ecco la seconda “calata” degli scalvini in città, sempre per protesta, sempre per una frana, sempre per un’interruzione di collegamento tra i paesi.

E’ successo mercoledì mattina 9 gennaio. Il Presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, da noi sentito lunedì 7 gennaio, si era detto “amareggiato” per l’annuncio che davanti al Palazzo della Provincia di Via Tasso sarebbe scesa una folta delegazione di scalvini per protestare per l’interruzione della strada tra Vilminore e le quattro frazioni di Oltrepovo. “Abbiamo avuto incontri a ripetizione e il sindaco sa benissimo come sono andate le cose, progetto pronto per essere appaltato, i tempi per le procedure di esproprio per l’opposizione del privato proprietario del terreno. Per questo i tempi scadono il 18 gennaio e dopo questa data cominceranno i lavori…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 11 GENNAIO