VILLONGO – Le opere (della Parrocchia San Filastro) del Coghetti in Duomo. Ondei: “Orgoglioso del patrimonio artistico del paese”

160

I disegni torneranno al Palazzo Passi dove verrà presentato anche un volume

pubblicità

Da Villongo al Duomo di Bergamo. È il viaggio che i cinque cartoni preparatori che l’artista Francesco Coghetti (pittore di origini bergamasche nato nel 1802) aveva realizzato per dipingere poi l’Apoteosi di Sant’Alessandro nel Catino della cupola del Duomo. Queste cinque opere (c’è anche la sesta, ‘Padre Eterno’, che appartiene al Museo Bernareggi) sono di proprietà della Parrocchia di Villongo San Filastro e dopo il restauro iniziato nel 2016 per volere di don Cristoforo Vescovi e finanziato da Fondazione Comunità Bergamasca e Fondazione Bernareggi, sono diventati un progetto espositivo nato dalla collaborazione tra Museo Adriano Bernareggi, Archivio Storico e Biblioteca Diocesana. I disegni preparativi si incontrano quindi con gli affreschi della cupola e la mostra diventa uno spunto per rivolgere uno sguardo all’insù e cogliere somiglianze e, perché no, le differenze con l’esecuzione finale. I cinque cartoni realizzati da Coghetti sono stati a lungo custoditi nello storico Palazzo Passi, residenza estiva dei vescovi di Bergamo, dove erano arrivati per essere visionati e mai più spostati.

Per noi tutto questo è un grande orgoglio – spiega il vice sindaco Mario Ondeiperché queste opere vanno ad arricchire il patrimonio artistico del nostro Comune, che vanta ville e palazzi storici come possono essere la sede municipale e lo stesso Palazzo Passi. Proprio per questo anche…
SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 NOVEMBRE

pubblicità