VILLA D’OGNA La minoranza si appella al Prefetto La sindaca esce dalla convenzione con Ardesio e Oltressenda: “Lo fa solo per salvare Piario”

Tocca già al Prefetto. Dopo nemmeno due mesi dalle elezioni a Villa d’Ogna viene chiamato in causa il Prefetto: “Quello che sta succedendo è grave – spiega il capogruppo di minoranza Angelo Bosatellinel primo consiglio comunale oltre alla convalida degli eletti sono stati aggiunti altri punti all’ordine del giorno, come l’approvazione delle linee programmatiche del prossimo quinquennio, quel punto doveva essere posticipato in quanto negli atti non erano stati inserite le linee programmatiche, essendo prevista la discussione non avevamo elementi in mano. Abbiamo chiesto spiegazioni alle dipendenti e alla segretaria e ci è stato risposto che la sindaca le voleva seduta stante. Lo Statuto prevede che ci siano gli atti per discutere a quel punto abbiamo abbandonato l’aula, non ci è stata data la possibilità di fare quello che dobbiamo come minoranza. Così abbiamo scritto al Prefetto sollevando la questione e quindi facendo presente questi atteggiamenti, abbiamo sollecitato il Prefetto a prendere posizione perché qui non c’è rispetto per i consiglieri e si è andati contro quanto prevede la legge”. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 3 AGOSTO