VILLA D’OGNA – Area dell’ex-Festi Rasini: ci siamo, approvato all’unanimità il progetto: ecco come diventerà

Nella seduta del 10 agosto scorso il Consiglio Comunale, all’unanimità, ha compiuto l’ultimo passo sul percorso che porterà alla riqualificazione dell’area dell’ex-stabilimento, progetto destinato a riqualificare anche buona parte dell’omonima frazione del paese. “Il piano di recupero – ricorda la sindaca Angela Belliniera stato presentato nel marzo scorso da Bgp trading e Blaf di Clusone, Poly Pool e Scame di Parre. La prima tappa dell’iter burocratico relativo aveva avuto luogo nel giugno successivo, quando il Programma Integrato d’Intervento era stato adottato dal  Consiglio Comunale, nella cui sede è tornato appunto il 10 agosto dopo che erano passati i tempi previsti per la pubblicazione e l’eventuale presentazione di osservazioni, in mancanza delle quali si è proceduto all’approvazione definitiva, dopo aver bocciato la proposta della consigliera della minoranza della lista “Noi con Bosatelli sindaco” , Francesca Mazzoleni, che chiedeva di dare la parola al pubblico presente alla seduta consigliare, cosa non prevista dallo Statuto,  criticando il fatto che sull’argomento non era stata organizzata un’assemblea popolare per far parlare tutti i cittadini. Ma il  tempo per presentare osservazioni e proposte c’era già stato, mentre e le norme anti-Covid rendono difficile la realizzazione di incontri ed assemblee.  Ciò non toglie che, appena possibile, organizzeremo un’assemblea pubblica con i residenti della frazione. Sono comunque molto contenta che anche le Minoranza, al momento del voto, abbia dimostrato di condividere il nostro progetto”.

Prima della votazione la prima cittadina, ricordando che al punto 2 del programma della sua lista “Persone per Villa d’Ogna” figurava appunto la “RIQUALIFICAZIONE AREE  DISMESSE FESTI RASINI”, cioè la ripresa e il compimento delle azioni già  intraprese con gli interlocutori per la concreta riconversione e riqualificazione delle  aree industriali al fine di realizzare nuove realtà lavorative, ha affermato che la volontà di raggiungere questo obiettivo è sempre stato un punto di riferimento  importante per la sua Amministrazione, e che l’unico obiettivo del lavoro era quello di trovare accordi che soddisfacessero sia le richieste degli  attuatori sia le proposte dell’Amministrazione stessa…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 27 AGOSTO