VALGOGLIO – “Ci torturano gli animali, una pecora senza denti e orecchio, cavalli dissanguati…qualcuno non ci vuole qui”

14293

Angelo Tagliaferri e sua moglie Silvana vivono qui, in via Mazzocca, un paradiso terrestre a Valgoglio, con le loro mucche, pecore, cavalli, cani. Angelo ha 4 figli, 11 nipoti e questo è il suo regno. In questo regno da tempo succedono cose strane agli animali di Angelo “A una pecora hanno tagliato mezzo orecchio e tolto tutti i denti, l’ho trovata cosi al mattino. Un cavallo è morto per uno spinto nello sterno, dissanguato. A un altro hanno rotto una gamba. Una vitella è stata colpita al polmone da qualcosa di appuntito ed è morta. Le mucche sono spaventate e quando si avvicina il veterinario per visitarle hanno paura. Qualcuno fa del male ai nostri animali e noi siamo esasperati”. Le fototrappole non sono servite a nulla ed ora ci prova con le telecamere: Angelo Tagliaferri, 72 anni, un passato di carpentiere in cantieri svizzeri ed italiani, continua così la sua personale ‘caccia all’uomo’ che a più riprese , a suo dire, in questi ultimi anni, ha infierito su alcuni dei suoi animali – una pecora, un cavallo, una mucca – brutalmente percossi e mutilati: “Forse per vendicarsi del fatto che il mio cane aveva aggredito una sua capra lasciandola malconcia – spiega Angelo- , o forse per convincermi ad andarmene da qui: sa, questa casa fa gola a molti, e soprattutto fa gola a molti la sua splendida posizione, è un posto magnifico, un vero balcone sulla valle , soleggiato in ogni stagione, insomma un piccolo paradiso. Ma chiunque sia il persecutore delle mie bestie non l’avrà vinta: io sono nato qui e qui voglio morire”. Angelo sostiene anche che i Valgogliesi in generale lo considerano ancora come un ‘forestiero’:“Perché i miei avi hanno origini scalvine. Questa casa e le sue pertinenze sono appartenute prima alla contessa Giulia Maria Crespi, poi all’Enel, una cui condotta forzata passa qui accanto; poi fu data in affitto a mio padre, lui pure volevano mandarlo via ma non c’erano mai riusciti. Anche alcune immobiliari avevano messo gli occhi su questo posto, ma io sono riuscito ad acquistarlo e non ho alcuna intenzione di venderlo e questo evidentemente a qualcuno non è piaciuto e continua a non piacere…”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 DICEMBRE

pubblicità