Trescore – i Masser lasciano la festa: “Dopo tanti anni non sfiliamo, in polemica con il Comune”

La festa dell’Uva perde i pezzi, o meglio i partecipanti scatenando così un nuovo filone di polemiche destinato a durare per mesi. Il gruppo degli storici partecipanti alla storica sfilata finale dei carri che anima l’ultima giornata della festa infatti si riduce a due, quest’anno infatti i ‘Masser del Trescur’ hanno deciso di non partecipare in polemica con la Pro Loco e con l’amministrazione Comunale . Lo storico gruppo che negli ultimi anni è salito quasi sempre sul podio, ha deciso di boicottare la festa dell’Uva di Trescore e di andare solo a quella di Foresto Sparso che si tiene poche settimane dopo. “I motivi della nostra defezione sono tanti – spiega Rosy Del Bello, una delle animatrici del gruppo – e partono dal trattamento che abbiamo ricevuto lo scorso anno quando nessuno si degnò di venire a vedere il nostro carro. La giuria era arrivata al piazzale del marcato prima della sfilata, per vedere da vicino i carri e sentire la spiegazione su cosa rappresentavano e come erano stati fatti, tutti i carri erano stati visionati tranne il nostro, alla fine noi siamo rimasti fuori dai carri premiati. Avevo fatto presente al sindaco Colombi la mancata visita al carro ma alla fine tutto era finito nel nulla”. L’altro aspetto della polemica riguarda i rapporti tra i ‘Masser’ la pro Loco e il Comune.

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 25 AGOSTO