TAVERNOLA – PER LA PRIMA VOLTA LA REGIONE APRE…ALLA CHIUSURA – La Regione: “Valutare con Italsacci delocalizzazione e riconversione delle attività del Cementificio”

628

E’ passata quasi sottotraccia ma il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità (da sottolineare l’unanimità) una mozione in cui per la prima volta, oltre al G16, i Comuni del lago, viene ipotizzata la chiusura del Cementificio. “Verificare con la ditta Italsacci, concessionaria delle attività relative all’area Ca’ Bianca e Ognoli le condizioni di sostenibilità di un eventuale processo di delocalizzazione delle attività e di riconversione delle stesse, di concerto con gli enti locali, al fine di riqualificare l’area e salvaguardare i posti di lavoro”.

Detto così sembra una “pia intenzione” proiettata nel futuro molto remoto. Italsacci ha la concessione, per chiudere e riqualificare l’area dovrebbe avere ottime alternative economiche visto che i camion sulla rivierasca si susseguono a ritmo serrata, il che significa che anche scavando con mezzi meccanici, senza le “volate” di esplosivo, Italsacci opera a pieno regime. Ma la presa di posizione del Consiglio regionale, all’unanimità, esprime politicamente un parere che peserà in futuro. Sì ma il futuro può essere semplice o anteriore ma c’è anche un futuro remoto, anche perché la parte finale della mozione approvata, quella del “salvaguardare i posti di lavoro” è una condizione che a una lettura poco ottimistica sta per “la botte piena e la moglie ubriaca”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 1 APRILE

pubblicità