TAVERNOLA – MEMORIA/1 – Piergiuseppe Cristinelli

È tornato a Tavernola, il natio paese del cuore, per il suo ultimo viaggio Piergiuseppe Cristinelli di 52 anni, libero professionista dai molteplici interessi. Nel 2000 si era trasferito a Villongo per metter su famiglia e dal matrimonio sono nate due splendide figlie, Giulia di 16 anni studentessa del Liceo artistico, e Anna di otto, alunna della scuola primaria. Figlio di Luigino e di Sandra Fenaroli, Piergiuseppe era cresciuto alto, forte e di bell’aspetto insieme alla sorella Patrizia e a tanti cugini, soprattutto di parte materna. Il nonno Annibale, pescatore, era un personaggio mitico, profondo conoscitore della storia locale. In questo ambiente di intensa partecipazione alla vita comunitaria e soprattutto nel negozio di lavasecco della mamma, fin da bambino Piergiuseppe si era abituato al contatto con la gente, alla cordialità e disponibilità. Questi tratti del suo carattere si rivelarono soprattutto nello sport e nei suoi anni di suonatore di sax nella Corpo musicale “Religio et Patria”. I contradaioli di Cambianica si ricordano le entusiasmanti partite di basket durante il Palio, dove difese non solo con la statura ma anche con la bravura i colori dei Rossi.

Nessuno infatti si aspettava che un uomo così prestante fosse colpito da emorragia cerebrale e la notizia del suo grave malore lo scorso 22 novembre è stata un fulmine a ciel sereno per tutti. Ricoverato al Papa Giovanni, dove aveva subito un intervento chirurgico, era poi stato trasferito per la riabilitazione all’Istituto don Gnocchi. Dopo una breve ripresa, purtroppo le sue condizioni sono precipitate fino alla morte avvenuta il 7 febbraio.

Prima della cremazione, la salma è stata composta nella casa dei nonni materni nel centro storico di Tavernola, dove ha ricevuto la visita di tutto il paese e degli amici e parenti dei Comuni del Basso Sebino. Il giorno del suo funerale, la pioggia battente, il freddo e il rischio Covid non hanno scoraggiato la partecipazione delle tantissime persone affezionate a lui e alla sua famiglia….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 FEBBRAIO