TAVERNOLA – IL CASO – Villa Fenaroli in vendita: e intanto il famoso “parco” sta morendo

1002

Sabato 16 luglio si è svolto presso la “villa Elena” un incontro di poesia con l’autrice, poetessa Alba Donati – che ha una libreria in un piccolo paese dell’Appennino – in colloquio con Massimo Raffaeli. Dopo l’incontro i partecipanti hanno potuto visitare il parco della Villa, noto anche per le numerose piante di paesi stranieri lì acclimatate e cresciute forti e sane, accompagnati dal naturalista Aldo Avogadri, e poi seguire la seconda parte colloquiale relativa al ricordo del poeta Francesco Scarabicchi. Al termine è stata data la possibilità di sentire le “Note di jazz” suonate dal giovane esperto Massimiliano Milesi.

pubblicità

Il gruppo, organizzato dalla Valcamonica, ha raggiunto Tavernola da Pisogne con due battelli ed è ritornato a casa alla sera con gli stessi mezzi.

“Abbiamo visto un luogo molto bello, di cui o non conoscevamo l’esistenza o si sapeva che c’era ma non erano ammesse visite – ha detto una delle visitatrici. Però sappiamo che è in vendita, ma è molto trascurato il verde del parco… Abbiamo visto piante rare e preziose mezzo svuotate di foglie, tutte cadute per la siccità di questi giorni. Intere siepi secche, tre impianti di kiwi quasi morti per mancanza di acqua alle radici, erbacce alte e infestanti in quasi tutte le aiole: uno stato pre –agonico in quasi tutto l’impianto del giardino…”

Questo tipo di discorsi si sentiva in quasi tutte le conversazioni tra i visitatori ed io, che avevo visto la primavera scorsa lo stesso giardino curato con attenzione e abilità, mi sono chiesta se la vendita della villa, già esistente nell’attuale forma da più di due secoli (anche se con il terzo piano, il “solaio”, ancora rustico e non completato), non subirà una svalutazione notevole per la perdita del famoso “parco botanico”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 22 LUGLIO

pubblicità