SPIAZZI DI GROMO – Alessandro Testa: “Gli Spiazzi, l’attesa del freddo e quel dubbio…”

Un vecchio adagio recita che “chi ha denti non ha pane e chi ha pane non ha denti”. E così, nello scorso inverno c’era una grande abbondanza di neve sulle piste, ma non si poteva sciare a causa dell’emergenza Covid. In questo inverno, al contrario, gli impianti sciistici sono aperti, ma di neve ce n’è poca.

Già, è proprio così – sorride Alessandro Testa, che guida la società Iris degli Spiazzi di Gromo, ma il suo è un sorriso amaro – la passata stagione sciistica è stata un disastro. Questa va invece bene, ma abbiamo sempre quel dubbio…”. Che dubbio? “Il dubbio che se la situazione dei contagi dovesse peggiorare, si decida di chiudere le piste. Questo è già capitato l’anno scorso, quando sembrava che tutto fosse aperto e poi, invece, si è chiuso tutto. Questo sarebbe un disastro per tutte quelle persone e tutte quelle aziende che operano nel settore del turismo di montagna”.

Come sta procedendo la stagione invernale? “Bene, nel complesso. C’è però anche stato il problema delle alte temperature, perché così non è possibile sparare artificialmente la neve…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 GENNAIO