SOVERE – Meloni, cinque anni dopo: “Ecco come è cambiata la Casa di Riposo, 1.600.000 euro di investimento, più infermieri, struttura rimessa a nuovo e ora…”. Nel cda esce Bianchi, entra Pedersoli

574

Cinque anni dopo. Maurizio Meloni, ex dirigente del Banco BPM (quello che tutti ricordano come Credito Bergamasco), 64 anni, mille interessi e impegni, chiude il cerchio del primo mandato come Presidente della Fondazione Casa di Riposo e Farmacia, nominato nel gennaio 2014. E in questi giorni scade il mandato del Consiglio di amministrazione e di conseguenza della sua presidenza, che il sindaco Francesco Filippini sta per rinnovare, nel cda uscente oltre a Maurizio Meloni, fanno parte Luciana Crescentini, Mimmo Pegurri, Elisabetta Bertoletti e Attilio Bianchi. Resteranno tutti tranne Attilio Bianchi che ha deciso di farsi da parte, al suo posto il sindaco ha nominato Andrea Pedersoli, ex assessore ai lavori pubblici nella prima giunta del mandato di Arialdo Pezzetti (un suo omonimo è stato membro del cda dell’epoca in cui il presidente era Felice Palmini):Sono stati 5 anni di lavoro intenso e ricco di soddisfazioni –spiega Maurizio Meloniil nuovo Cda si è concentrato principalmente su tre obiettivi: garantire la qualità del servizio offerto e, ove possibile, migliorarlo; migliorare gli spazi e la qualità della struttura;  aprire maggiormente la struttura alla collaborazione con il territorio e le istituzioni locali…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 11 GENNAIO

pubblicità