SOVERE-ENDINE La rabbia per le puzze chimiche: “Periferie di Sovere ed Endine invase da scie di odori irrespirabili”. Il sindaco chiede una centralina per monitorare l’aria

pertegalli

Puzze. Odori chimici. Che si infilano nelle case, invadono le strade e accompagnano la vita di una  parte di soveresi e di residenti a Endine. Succede da anni, la situazione sembrava migliorata, interventi anche congiunti dei due Comuni ma ora è tutto come prima, se non peggio, almeno a detta di chi vive qui. “Non se ne può più – commenta una giovane mamma che ci ha scritto una lettera – ma quello che ci preoccupa a questo punto è sapere se gli odori chimici sono anche nocivi. Non veniteci a dire che sono solo puzze, ogni puzza chimica racchiude e nasconde altro e non si può andare avanti così. A Sovere e a Endine ci sono molte coppie giovani con figli, che futuro hanno i nostri figli? vogliamo garanzie di salute e nessuno ce le da. Tante belle parole e il resto? perché l’Arpa e chi di dovere non monitora giorno e notte? al mattino alle sei quando mio marito va  al lavoro l’aria è irrespirabile, quindi le puzze vengono prodotte di notte quando nessuno se ne accorge. E’ così’ difficile accorgersi da dove arrivano? la zona industriale non è poi così grande”

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 26 GENNAIO