SOLTO COLLINA – LETTERA – “Difendo Solto, non è tutta così, sta diventando la patria dell’odio”

Egr. Sig. Direttore,

le scrivo per condividere un pensiero personale, come cittadino di Solto Collina, a riguardo dei tristi fatti che in queste settimane stanno letteralmente travolgendo la comunità sbattendo sui giornali, on line e in tv il nome del mio paese per le infelici esternazioni del Sindaco Maurizio Esti che, dopo una prima bufera per un post su Facebook scomodo sui casi di meningite verificati nel territorio bergamasco, ha recentemente rincarato la dose con un post sullo stesso social riguardante l’epidemia da Coronavirus che sta coinvolgendo tutto il mondo. Un post senza mezzi termini scritto sul profilo del Sindaco in cui si augura che “Sti c… di cinesi, (…) morissero perlomeno solo loro” e condiviso in modalità pubblica (ossia potenzialmente visibile dai 2,23 miliardi di utenti attivi ogni mese su Facebook).

Il caso sta facendo letteralmente il giro del mondo, soprattutto a seguito della denuncia di un praticante avvocato cinese di Bologna, e Solto Collina sta rischiando di diventare – agli occhi dei più – la patria dell’odio, del razzismo, della xenofobia e della sinofobia.

Vorrei personalmente difendere il mio paese, dove sono cresciuto e ho fatto molto per farlo conoscere, con numerose iniziative culturali ed eventi in collaborazione con la Parrocchia,  che mi ha dato modo di formarmi professionalmente e di vivere nella bellezza dell’arte e dei valori della tradizione, le numerose associazioni e la comunità…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 21 FEBBRAIO