Sebinia e tribune. Taccolini incontra gli avvocati e l’amministrazione: “Accordo raggiunto, pagherò le nuove tribune e saniamo l’abuso edilizio”. La minoranza fa un’interpellanza: “Cosa è successo nella zona agricola a San Giovanni?”. Il Sebinia riparte d

46

 

Terza categoria per la Prima Squadra. Settore giovanile diviso su due campi, quello di Lovere e quello di Pianico. Si riparte da qui. Chiuso il cerchio del terremoto post Sergio Taccolini, non senza sorpresa finale. Perché il ‘presidentissimo’ si era dimesso dopo che il Comune aveva segnalato abusi edilizi nella sua proprietà a San Giovanni, sopra Lovere. Ufficialmente non è mai stato questo il motivo, anche perché Taccolini dopo quasi 30 anni di presidenza con esborsi ogni anno per decine di migliaia di euro per il calcio, da anni aveva detto di voler cedere il passo. E poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso, giusto quando ha firmato la convenzione con il Comune per la realizzazione delle tribune coperte al Sebinia, tribune attese da anni a Lovere, costo 100.000 euro, di cui la metà del costo se lo era accollato Taccolini come Presidente del Sebinia, succede che sull’albo pretorio del Comune di Lovere era stata affissa una comunicazione per ‘opere o lottizzazioni abusive’…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 LUGLIO

pubblicità