Scanzorosciate, al via il car sharing E-VAI, l’auto elettrica in condivisione tra Comune e cittadini

70

E’ attivo da oggi, venerdì 16 settembre, a Scanzorosciate il servizio di car sharing E-VAI, realizzato grazie alla collaborazione tra la società del Gruppo FNM e il Comune.

pubblicità

Si tratta di un innovativo modello che prevede l’utilizzo condiviso di un veicolo elettrico di ultima generazione tra l’amministrazione comunale e la cittadinanza.

“Come Amministrazione pubblica – spiega il Sindaco Davide Casati – abbiamo deciso di investire sulla mobilità elettrica, prima con l’installazione delle colonnine per le auto e poi con quelle per le e-bike; dopo questi due investimenti sulle infrastrutture, vogliamo dare il buon esempio utilizzando un mezzo elettrico e al contempo renderlo disponibile per i cittadini con una spesa di noleggio molto bassa. Ci auguriamo che questo possa aumentare la cultura della sostenibilità nella nostra comunità, sollecitando anche famiglie aziende ad investire sulla mobilità elettrica”.

Un’automobile elettrica di ultima generazione è a disposizione per le attività lavorative dei dipendenti comunali negli orari di apertura degli uffici comunali e può essere anche noleggiata dalla cittadinanza come servizio di car sharing, tutti i giorni 24 ore su 24.

I cittadini, dopo essersi registrati gratuitamente attraverso il sito www.evai.com o l’app mobile, possono richiedere l’auto prenotando tramite la stessa app, il sito web o il numero verde 800.77.44.55. Attraverso questi canali è possibile ottenere tutte le informazioni sulle tariffe e le modalità di utilizzo. Ritiro e riconsegna avverranno presso la postazione di via Acquaroli con colonnina di ricarica RESSOLAR.

ll nuovo E-VAI Point di Scanzorosciate si inserisce nel circuito regionale e permette quindi di utilizzare, oltre all’auto presente sul territorio, i veicoli del servizio E-VAI Regional Electric che coprono una rete di oltre 300 E-VAI Point situati in luoghi strategici (3 aeroporti, 45 stazioni ferroviarie, piazze, ospedali, università ecc.) di 107 comuni lombardi.

Il modello di car sharing E-VAI offre vantaggi per i Comuni e la cittadinanza. L’amministrazione comunale raggiunge l’obiettivo di razionalizzare il proprio parco auto, potendo contare, all’occorrenza, sull’utilizzo di vetture elettriche ad integrazione della propria flotta, abbattendo costi e impatto ambientale dei mezzi. I cittadini invece possono usufruire del servizio di car sharing in territori normalmente non raggiunti da altri operatori del settore, con la comodità di disporre di un autoveicolo elettrico per le proprie esigenze di mobilità, senza assumersi gli oneri della proprietà del mezzo.

“Grazie alla sensibilità dell’amministrazione comunale abbiamo portato a Scanzorosciate un servizio in grado di ampliare l’offerta di mobilità condivisa, nel pieno rispetto dell’ambiente, per lo sviluppo della comunità locale” commenta Luca Pascucci, direttore generale di E-VAI. “Il car sharing di EVAI è una risposta concreta alla crescente domanda di mobilità sostenibile del territorio lombardo e si adatta a realtà di qualsiasi dimensione”.

“Siamo convinti, che vista la vicinanza della città Capoluogo e dell’aeroporto potrà essere questo un servizio molto apprezzato e di grande utilità per tutta la cittadinanza, permettendo anche di ridurre la nostra impronta ecologica attraverso la condivisione dell’autoveicolo e all’alimentazione elettrica dello stesso – ha aggiunto Paolo Colonna, Vicesindaco di Scanzorosciate -. Risulta fondamentale percorrere la strada della sostenibilità ambientale con convinzione, passando attraverso l’impegno quotidiano di tutti. Grazie al servizio di car sharing l’amministrazione vuole apportare il proprio contributo allo sviluppo di stili di vita sempre più sostenibili, supportando gli uffici ed i cittadini nell’orizzonte della mobilità sostenibile. Questo rappresenta per noi un punto di partenza; intendiamo proseguire, infatti, nei prossimi mesi a implementare le opportunità e le infrastrutture legate alla mobilità green, al servizio dei cittadini”

pubblicità