SARNICO – UNA STORIA A LIETO FINE – Rachele: “E’ stata dura ma ce l’ho fatta”

di Roberto Vitali

E’ stata dura, ma ce l’ho fatta!” queste le parole di Rachele Paris. 57 anni residente a Sarnico, ha da poco sconfitto quel terribile virus.

“Come dicevo, è stata dura, perché arriva da un momento all’altro e ti coglie alla sprovvista. Devi avere la forza per far sì che non ti lasci andare, non devi farti prendere dal panico: questo è l’unico modo per superarlo. Devo confessare che in quei giorni, la cosa che mi ha dato forza è stata tenere vicino a me una foto di mia mamma (scomparsa anni fa, ndr) e chiederle di aiutarmi e starmi vicino”.

“Io passavo la quarantena in camera, da sola, mentre mio marito e le mie figlie erano in salotto. Quando dovevo utilizzare il bagno (prima di uscire dalla camera da letto) lo dicevo ad alta voce, in modo che potessero sentirmi. Una volta terminato, ripulivo subito tutto”.

Ma facciamo un passo indietro, più precisamente all’ 8 marzo. Interviene Silvia, la figlia maggiore:

“Esatto, quella sera mio papà è tornato a casa dicendoci che il suo capo non si era sentito bene; ha quindi deciso di mettersi in quarantena, per tenerci al sicuro. Da quella sera ha cominciato a stare sul divano, mentre mamma era a letto (anche se fortunatamente stava ancora bene); la sera di domenica 15 marzo la mamma ha cominciato a non sentirsi bene con la febbre a 38,5°.

Come ho scritto anche in un post su Facebook, decidiamo quindi di chiamare la dottoressa, la quale (di prima battuta) ci consiglia di darle Augmentin e Zitromax. Purtroppo, i medicinali non fanno nessun effetto, e (per di più) la sera la mamma ha la febbre a 39,5°. Decidiamo quindi di richiamare la dottoressa – che desidero ringraziare per l’ottimo lavoro svolto – la quale ci conferma che (purtroppo) mamma ha contratto il Covid. In più, si sentiva in affanno e faticava a respirare. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 APRILE