SARNICO – IL SINDACO – “Siamo in difficoltà, senza turismo, senza fondi, 
anche le casse comunali soffrono 
ma adesso dobbiamo pensare alla salute”

La situazione pandemica all’interno del comune di Sarnico sta diventando sempre più critica ogni giorno che passa, considerato l’alto numero di casi di positività all’interno del paese: “Come gli altri paesi del Basso Sebino – spiega il sindaco di Sarnico Giorgio Bertazzoli, anche Sarnico sta passando una situazione critica a causa del Covid. Siamo tutti sullo stesso piano. Siccome il nostro comune ha numerosi abitanti, anche i casi di positività sono maggiori”. Oltre al problema sanitario, un altro problema che affligge l’amministrazione comunale è la mancanza di fondi: “La maggiore preoccupazione è la mancanza di fondi. Abbiamo perso un gran numero di turisti e di conseguenza le entrate nelle casse comunali sono diminuite drasticamente. Oltre alle perdite economiche delle numerose aziende, anche il comune introita meno, soprattutto per quanto riguarda i parcheggi. Siamo preoccupati per i nostri commercianti, per la grave situazione sociale, per le famiglie e per la situazione sanitaria. Cercheremo di mantenere il paese in salute, per far fronte nel migliore dei modi alle numerose spese, perché le entrate calano, ma le spese restano tali”. 

Ma non è finita qui, perché oltre alle problematiche sanitarie, a quelle economiche, ora si sono aggiunte anche quelle riguardanti la possibile frana nella zona di Tavernola, che potrebbero avere gravi ripercussioni anche sul paese di Sarnico: “Abbiamo preparato dei piani di emergenza per far fronte alle criticità che la frana potrebbe causare. In caso estremo, saremmo costretti ad evacuare una parte del paese. Stiamo ragionando con la prefettura e gli esperti. Anche Sarnico è totalmente interessato, perché un’eventuale frana, creerebbe un’onda che colpirebbe anche il nostro comune. Abbiamo due chilometri di lungolago e 6,6 chilometri di costa, quindi sono molto preoccupato. È una bella spada di Damocle sul nostro comune”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 MARZO