ROVETTA – Stefano Marinoni, da Rovetta a Sofia Antipolis, e il progetto rivoluzionario per fare esami a distanza con… l’intelligenza artificiale

Il cognome Marinoni rivela la sua origine. Da Rovetta a Sofia Antipolis. Dall’alta Val Seriana al cuore della tecnologia situato tra Nizza e Cannes. Stefano Marinoni ha 29 anni. Le idee chiare e un sorriso sincero. Una passione che è diventata successo. Un vulcano di idee. Una carriera fulminante. L’ultimo successo si chiama aiLearning. Un progetto per la valutazione degli studenti nello svolgimento degli esami a distanza che avrebbe un impatto rivoluzionario. Stefano l’ha presentato insieme ad altre sei persone, partecipando all’hackaton online più grande mai realizzato. Un evento tecnologico promosso dalla Commissione europea a cui hanno partecipato 20 mila persone, presentando 2.100 progetti, divisi in 37 sfide. Sviluppatori, grafici ed economisti al lavoro per presentare, nel giro di 48 ore, progetti che promuovessero lo sviluppo di tecnologie innovative nella situazione di emergenza sanitaria legata al COVID-19.

Stefano Marinoni con il suo team ha partecipato alla categoria dedicata al lavoro e alla didattica da remoto, uno dei temi che si è prepotentemente affacciato nella vita quotidiana di tutti nelle scorse settimane, e il risultato è stato il trionfo. Un primo passo per sviluppare il progetto, che ora andrà alla ricerca di finanziamenti. Intanto, da Sofia Antipolis Stefano si gode l’ennesimo successo della sua vita professionale.

Lui che è abituato a viaggiare, sin da quando era bambino. “Ho vissuto otto anni in Nigeria per le esigenze lavorative di mio papà – inizia a raccontare –; lì ho frequentato le scuole primarie e secondarie. Sono ritornato in Italia a 16 anni e ho finito il liceo scientifico a Clusone”. Dopo la maturità Stefano decide di iscriversi alla facoltà di Economia all’Università di Bergamo. “L’ho fatto soprattutto per un fattore di comodità. Abitando a Rovetta potevo fare avanti e indietro insieme con altri e studiare insieme. Diciamo che all’epoca non avevo la mentalità imprenditoriale…”.

Un sorriso sincero pensando al passato. Quando, comunque, Stefano non aveva nessun dubbio sull’ambito dei propri studi: il mondo dell’economia è sempre stato ciò che lo appassiona. “Mi è sempre piaciuto coadiuvare la matematica al business”. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 22 MAGGIO