ROVETTA – Marinoni, il Pisa e la…stabilità del ponte tra Rovetta e Songavazzo

L’estate rovettese è stata segnata (positivamente s’intende) dal ritiro del Pisa Calcio, che si è diviso tra Rovetta e Castione. Partiamo proprio da qui: “La società – spiega il sindaco Mauro Marinoni è rimasta soddisfatta sia per l’accoglienza che per i servizi che ha ricevuto. Le strutture sono state ritenute all’altezza e la Sportiva di Rovetta ci ha comunicato che potrebbe esserci un ritorno nei prossimi anni, anche se per ora non c’è nessun accordo certo. La presenza dei tifosi è stata contenuta, sono arrivate circa 450 prenotazioni nelle strutture ricettive. L’emergenza Covid e i conseguenti vincoli hanno limitato le presenze, anche perchè i tifosi sono stati invitati a non presenziare alle amichevoli, e questo ha ridotto sensibilmente i numeri e i trasferimenti da Pisa. Nonostante ciò, alcune centinaia di tifosi hanno partecipato alla presentazione della squadra che si è svolta in Piazza Ferrari il 24 luglio. Insomma, è andato tutto al meglio”.

Capitolo opere pubbliche: “Partiamo dallo studio di stabilità del ponte che collega Rovetta a Songavazzo, sono state effettuate prove di carico, un intervento congiunto dei due Comuni con utilizzo del contributo a fondo perduto del 100% da parte dello Stato. Per quanto riguarda invece la manutenzione straordinaria, tra cui il taglio del verde, sono stati usati fondi del Bim dell’Oglio. A settembre conosceremo l’esito delle verifiche. Conclusi anche gli interventi di manutenzione della strada del Monte Fogarolo, la ditta Baronchelli ha svolto un ottimo lavoro. Entro metà settembre termineranno anche i lavori di completo rifacimento degli spogliatoi del campo di calcio in sintetico inaugurato lo scorso anno. Finanziati anche gli arredi interni e le opere esterne per un costo complessivo di 210.000 euro, di cui 100.000 da contributo Regionale a fondo perduto”.

 SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 6 AGOSTO