ROGNO – L’intervista al nuovo Imam: “Ramadam, la valle, i rapporti con gli abitanti della zona, i giovani, la Moschea…”

Adesso c’è anche l’Imam. La Moschea di Rogno inaugurata il 13 febbraio ha una guida, si chiama Ahmed Tabakovic, vive in Italia da poco, arriva dalla Bosnia. E’ finito un altro Ramadan, come è andata?  Questo è stato il secondo Ramadan che abbiamo dovuto affrontare con la pandemia. Dall’anno scorso le misure COVID erano più rigide, e abbiamo dovuto improvvisare con le attività online, cercando di mettere i credenti almeno un po’ a loro agio con la nuova situazione, quest’anno è andata meglio. Poiché le misure sono state allentate, abbiamo avuto l’opportunità di incontrarci di persona durante le preghiere notturne e durante le cene del Ramadan. Abbiamo continuato però a fare molte cose online, re molte attività educative e religiose che non richiedono una presenza fisica. L’idea del Ramadan è reinvestigare te stesso, ripensare alla tua posizione nella tua comunità e migliorare te stesso per il periodo che sta arrivando. Per i musulmani, è un periodo gioioso, pieno di attività congregazionali, incontri con la famiglia e gli amici e godendo dei doni di Dio all’umanità. Come il nostro Profeta, Muhammad, la pace sia con lui, ha detto: “Il primo terzo del mese di Ramadan è il momento della misericordia, il secondo terzo è per il perdono, il terzo è per il rilascio dall’Inferno”, leggiamo che il Ramadan è un mese pieno di doni di Dio e un periodo dell’anno benedetto speciale, che in alcune narrazioni è migliore rispetto ad altri periodi dell’anno, abbiamo suggerito ai credenti di migliorare la loro relazione con Dio in primo luogo e di ripensare le relazioni nelle loro famiglie, cercando di migliorare la vita familiare, il tempo trascorso con il coniuge, i figli, i genitori, i fratelli e le sorelle. La pandemia è stato il momento ideale per tornare alle radici poiché avevamo troppo tempo per noi stessi e le nostre famiglie, il che è un lusso nel mondo moderno. Penso che siamo riusciti a fare un buon lavoro questo Ramadan, con la speranza che saluteremo il prossimo Ramadan senza misure”. Come va la vostra comunità musulmana: “Come molte persone nella zona sanno, ci sono molte persone provenienti dalla Bosnia ed Erzegovina che vivono qui. L’organizzazione del popolo bosniaco in Vallecamonica è organizzata principalmente da due associazioni: l’associazione culturale “Ljiljan”, con sede ad Angolo Terme, e jamat (l’organizzazione religiosa locale nella gerarchia della Comunità Islamica dei Bosniaci in Italia che fa da controparte alla parrocchia nella gerarchia della Chiesa cattolica) Ital-Bosna. Jamat Ital-Bosna è la rappresentanza locale della Comunita Islamica dei Bosniaci in Italia, che è un’organizzazione ombrello per tutti i musulmani bosniaci in Italia. In quanto organizzazione ombrello, la CIBI fa parte della Comunità islamica della Bosnia-Erzegovina, che è l’istanza più alta per i musulmani bosniaci nel mondo. Jamat Ital-Bosna viene fondata alla fine del 2019. Ma la storia è iniziata molto prima. I primi bosniaci arrivarono in Vallecamonica alla fine degli anni ’90 per motivi economici. Più massicci, sono venuti all’inizio degli anni 2000, per lo più lavoratori maschi senza le loro famiglie che sono venuti a cercare posti di lavoro e opportunità migliori. La terza parte della venuta del bosniaco in Italia, in questo caso la Vallecamonica, è avvenuta qualche anno dopo, quando si sono resi conto che la loro permanenza qui non sarebbe stata temporanea e le loro famiglie si sono unite a loro. Col passare del tempo, era chiaro che l’Italia era una nuova patria per loro, quindi decisero di impegnarsi maggiormente nella creazione di uno spazio sicuro per la conservazione della loro identità, cultura e religione. Il primo passo verso questo è stato quello di creare l’associazione culturale Ljiljan, che era l’indirizzo principale per le loro esigenze, e nel corso degli anni, fino all’istituzione del jamat, Ljiljan ha soddisfatto le loro esigenze per l’organizzazione di eventi religiosi stagionali, come la notte del Ramadan. preghiere, preghiere Eid, ecc. Inoltre, la scuola religiosa del fine settimana per i bambini è stata organizzata come parte della scuola bosniaca, che è un progetto bosniaco unico in Italia. Con l’aumento dei bisogni della popolazione musulmana bosniaca in Vallecamonica, nel 2019 hanno deciso di fondare uno dei primi jamaat in Italia sotto la Comunità Islamica dei Bosniaci in Italia e di avviare i preparativi per l’arrivo del primo imam ufficiale. Subito dopo, il jamat è stato registrato presso l’Agenzia delle Entrate come associazione per gli affari religiosi. Dopo tutte le procedure, che hanno coinvolto la Comunità islamica a Sarajevo e l’Ambasciata italiana a Sarajevo, lo ero nominato con decreto del nostro reisu-l-ulema Husein Kavazović primo imam bosniaco in Italia il 15 dicembre 2020 con il ruolo di imam di jamat Ital-Bosna e capo imam (si può tradurre come Imam Principale) per Comunità Islamica dei Bosniaci in Italia, e ho iniziato la mia missione in Italia all’inizio di aprile 2021. Attualmente, il nostro jamat sta conducendo preghiere quotidiane e settimanali con i nostri fratelli e sorelle nella fede nella moschea An-Nur di Rogno (a cui siamo grati per aver condiviso lo spazio con noi) e, a causa delle pandemie, le nostre attività educative si svolgono online, e molti di loro sono stati purtroppo cancellati. Le sfide che abbiamo di fronte sono grandi: dal radunare le persone, trovare il nostro spazio per condurre le nostre attività religiose, educative e sociali, rappresentare la nostra comunità e il jamat presso il pubblico. Si spera che nel prossimo mese, rispettando le misure del COVID, la nostra Comunità organizzi l’inaugurazione ufficiale del primo Imam bosniaco in Italia”.  Come va con gli abitanti della zona? “Dall’esperienza della nostra gente qui in Vallecamonica, l’atteggiamento della gente del posto è bipolare, e varia dall’accettazione al rifiuto. Tuttavia, e grazie a Dio, non ci sono stati incidenti riguardanti la religione e l’origine di qualcuno. La domanda chiave qui è capire gli altri. A volte sono critico nei confronti della mia comunità. Non potremmo chiedere il riconoscimento a qualcun altro se non li accettiamo e se non vogliamo presentare la nostra religione e cultura. È così che crei pregiudizi e stereotipi. Il nostro compito è di presentarci (da entrambe le parti) gli uni agli altri, per conoscerci meglio, soprattutto perché come cristiani e musulmani condividiamo la stessa tradizione e i valori abramitici monoteistici. Se vogliamo arricchire noi stessi e le nostre comunità locali, dobbiamo lavorarci. Il modo più semplice è demonizzare l’altro, ma è questo il modo che ci porta all’inferno. Noi, come musulmani bosniaci, siamo stati vittime di questo approccio, e siamo le persone che sono sopravvissute al genocidio sul suolo europeo, 50 anni dopo l’Olocausto. Ecco perché stiamo cercando di portare questi valori comuni sul tavolo, ecco perché dobbiamo dire no alla ghettizzazione, ed è per questo che faremo tutti i nostri sforzi per una comprensione reciproca!”. Come si festeggia la fine del Ramadan?Nella tradizione islamica, ci sono due feste annuali, due eids, ed entrambe vengono dopo i periodi benedetti che sono dedicati al miglioramento della nostra religiosità: la prima dopo il mese sacro del ramadan e la seconda dopo i giorni di pellegrinaggio alla fine dell’anno hijri…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI 4 GIUGNO