ROGNO – L’inseguimento avventuroso del sindaco in moto tra gente spaventata e quell’auto impazzita

Un inseguimento per le frazioni di Rogno. Il sindaco in moto, un ragazzo in auto, una serata di adrenalina e paura per i residenti. Lunedì primo giugno, una sera tiepida, la gente esce volentieri di casa dopo settimane di lockdown e si gode le bellezze della zona. Un ragazzo non della zona sale da Castelfranco verso Monti con una Clio rossa, sgomma veloce verso San Vigilio, dopo l’abitato di Monti picchia contro un muretto e perde la ruota posteriore sinistra, sbanda, ribalta una panchina, si ferma, mette la ruota nel baule. Li vicino mamma e bimbo stanno passeggiando, la donna chiede al ragazzo se ha bisogno di aiuto, se deve chiamare qualcuno, dalla risposta del ragazzo si accorge che è un po’ alterato, lui la manda a quel paese, risale in auto e riparte a tutta velocità con le tre ruote, la quarta è un mozzo che tocca terra. “Quella donna mi ha telefonato  – racconta il sindaco Cristian Molinariio ero ad Angolo per un incontro di lavoro, ho chiamato subito il 112 e sono partito in moto, sono corso verso Monti da dove mi avevano segnalato l’auto, ho seguito la riga lasciata sull’asfalto e sono salito per Monti e San Vigilio, l’ho trovato verso Ceratello, si era fermato perché l’auto con tre ruote aveva problemi, gli ho chiesto se gli serviva una mano, gli ho detto di stare fermo che chiamavo un carro attrezzi, mi guardava, poi mi ha detto ‘tu chi sei?’…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 GIUGNO