ROGNO – INTERVENTO DEL PD – “Lavori pubblici a Rogno: un disastro”

Viene annunciato l’inizio dei lavori per la nuova isola ecologica: 400.000€ che ricadranno sui cittadini del comune Rogno. Un’altra inutile “cattedrale”, stavolta non nel deserto, viene costruita in una zona del comune già altamente trafficata dalla vicinanza di grandi aziende di movimentazione pesante e in una frazione, Bessimo, già sufficientemente stressata dalle molte attività presenti nella frazione. 

E tutto ciò quando era possibile, visto la chiusura dell’attuale isola ecologica e senza aumentare i costi alla popolazione, usufruire del centro di raccolta alla Santa Martina a Costa Volpino. 

D’altronde a Rogno siamo abituati a queste “cattedrali” costose e per niente utili. 

Quella più famosa è la mandrina: 400.000€ spesi in una zona difficilmente raggiungibile e che pochi sanno dove si trova. 

Lanciata con annunci roboanti come la soluzione dei problemi della montagna, sede di albergo diffuso, Bed and Breakfast e sede museale ora, a due anni dalla sua “spettacolare inaugurazione”, è un luogo in rovina, con i cancelli aperti e piante che ne impediscono l’ingresso oltre alle erbacce che hanno “conquistato” tutti i viali. 

Anche qui c’era una soluzione più semplice, non costosa e
probabilmente anche più funzionale visto che si trova in
mezzo al paese di Monti: il CEAR, centro di educazione ambientale, costruito a fine secolo scorso dalla comunità montana senza oneri per il comune.
A titolo di cronaca anche il CEAR, di proprietà comunale, è abbandonato. 

Ci sono anche altre opere “fantastiche” per inutilità:
il cimitero di Castelfranco 250.000€ spesi per costruire una parte nuova ma chiusa e inutilizzata da anni;
la rotonda di Rondinera 250.00€ spesi per costruirla su un incrocio che aveva corsie di accelerazione, decelerazione e accumulo;
l’illuminazione tra Rondinera e Castelfranco 100.000€ spesi su una strada dove mancano i marciapiedi e di notte circola qualche auto ma difficilmente si incontreranno pedoni da “salvaguardare” con luci a led. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 OTTOBRE