ROGNO – Cristian Molinari: “La mia Monti, la morte di mio fratello, la vita che cambia, gli orfani ucraini, la boxe e…”

1029

Cristian Molinari arriva in redazione da Monti, dove vive, va di corsa, come sempre: “Poi ho una riunione” ma adesso c’è tempo per raccontarsi un po’: “Sono arrivato a Monti che avevo due anni e mezzo, i miei genitori erano di Rogno ma hanno vissuto a Milano per 15 anni, mio padre era capocantiere di una grossa impresa, mia mamma lavorava a Milano in Borletti, e così io e mio fratello siamo nati a Milano. Mio fratello Gianluca nato nel 1972 e io invece sono nato nel 1974. Poi sono tornati qui, a Monti, e mio padre si è messo in proprio con la sua impresa edile, ha costruito la casa a Monti e vivo lì da allora”. Scuole ad Angolo e Darfo, poi un tragico incidente e la morte di Gianluca, che aveva solo 18 anni, Cristian nel aveva 15 e mezzo: “Quell’incidente mi ha segnato per sempre, tutto quello che è venuto dopo in un certo senso è figlio di quell’incidente. Quando succedono cose così, o vai in depressione o cerchi una via di uscita e io ho cercato la via di uscita, una sorta di iperattività, ho cercato di vivere intensamente anche per chi non c’è più”. 

 

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 3 DICEMBRE 

pubblicità