ROGNO – Arriva la prima pista di atletica della zona, 200 metri per sognare. Il paese dove l’atletica è di casa

Un paese che corre. E non è una metafora ma una realtà, di una società che stupisce ogni giorno di più, Rogno, poco meno di 4000 abitanti caput mundi dell’atletica locale e non solo locale. E ora arriva anche l’attesa e annunciata più volte, pista di atletica. Il lancio definitivo di una realtà in continua espansione e sulle ali dell’entusiasmo di un’Olimpiade appena terminata, chissà mai che porti nuovi giovani atleti a una società che di atleti ne ha già tantissimi. Perché qui, in questo fazzoletto di terra, fare atletica è un must, una tradizione, sono tantissimi i ragazzi che ogni settimana passano ore insieme ad allenarsi, correre, prepararsi, stare insieme e poi fanno incetta di medaglie nelle gare locali e nazionali. E ora la pista di atletica: “Un progetto partito nel 2016 – racconta il sindaco Cristian Molinaricon l’amministrazione precedente, era un sogno pensare di vederla realizzata, avevamo partecipato a un bando regionale che però non ci era stato finanziato e avevamo un po’ di problemi con i proprietari dei terreni privati dove era previsto di poterla realizzare. Poi quando ci siamo insediati con la mia amministrazione abbiamo deciso di spostare il secondo campo da rugby di 35 metri per poterla così realizzare sul terreno comunale, in modo da non dover chiedere niente ai privati. Un’operazione abbastanza semplice, trasliamo il campo, e realizziamo la pista, una pista da 200 metri indoor omologata secondo misure standard, unica di questo genere in tutta la zona, in provincia di Bergamo ce ne è soltanto una a Urgnano. La pista che verrà realizzata qui a Rogno è preparata secondo le più moderne tecnologie, tutto a norma, pronta per ospitare ogni tipo di competizione”. Pista che costerà 250.000 euro “Confido molto nel vento olimpico – racconta Molinari – nel senso che spero che dopo tutto il tam tam dei risultati alle Olimpiadi, Regione e Coni avranno un occhio di riguardo rispetto a progetti come il nostro, altrimenti sono comunque disposto come Comune a coprire interamente l’importo, la mia idea poi è quella di darla in gestione all’Us Rogno che sta sfornando campioncini, ci accorderemo con loro per una convenzione a lungo termine”

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 27 AGOSTO